Incontri

INCONTRI

L’idea

La scarsa conoscenza delle altre culture e religioni è spesso fonte di sospetto e pregiudizio. Questo è particolarmente vero per i giovani, che molte volte risultano influenzati da luoghi comuni e stereotipi ascoltati dai media, in famiglia, nel proprio gruppo di amici. Da qui la necessità dell’incontro diretto con persone di altre culture e religioni, capace di generare una conoscenza reciproca, il rispetto tra persone “concrete”, la voglia di cooperare insieme per costruire una società più giusta, a misura di tutti. Una conoscenza almeno sommaria dei contenuti delle fedi diverse dalla propria è dunque necessaria, anche per aprirsi all’accoglienza di stranieri per i quali l’appartenenza religiosa è parte integrante della cultura e dell’identità.

La Fondazione Centro Astalli promuove attività che mirano a favorire il dialogo tra credenti di fedi diverse. In particolare, nel 2004 è stata avviata la sperimentazione di un itinerario per studenti di scuole di ogni ordine e grado, denominato “Incontri”, che propone di avvicinarsi alle cinque religioni più diffuse nel mondo attraverso un sussidio didattico e l’incontro in classe con un animatore della Fondazione Centro Astalli e con un testimone di una delle grandi religioni del mondo.

I materiali

Il sussidio Incontri propone un itinerario finalizzato a fornire una prima conoscenza delle religioni maggiormente praticate nel mondo e presenti in misura sempre più consistente anche nel nostro paese. Obiettivo del sussidio è aiutare lo studente a scoprire che una religione è una realtà complessa e variegata, che non si può comprendere accontentandosi di leggere poche pagine.

Il percorso si sviluppa attraverso una serie di cinque schede, dedicate a buddhismo, cristianesimo, ebraismo, induismo e islam, ciascuna delle quali comprende sezioni quali I nostri inizi, Le nostre scritture, In che cosa crediamo, Come viviamo, oltre a proposte di approfondimento (libri, siti, film).

Ogni scheda è corredata di informazioni sui Paesi dove la religione in questione è maggiormente praticata e sulla sua diffusione in Italia, di un piccolo glossario e di un paragrafo contenente bibliografia, siti internet e filmografia.

In appendice al volume si trova un approfondimento sul dialogo interreligioso, con alcuni documenti e spunti di riflessione, e dei suggerimenti per l’attività in classe.

Le attività previste

Il progetto prevede un percorso in tre fasi:

– un primo approccio alla problematica, curato dall’insegnante, attraverso il sussidio “Incontri”, distribuito gratuitamente agli studenti. È possibile predisporre itinerari tematici guardando in parallelo i diversi aspetti delle varie religioni (i testi sacri, il perdono, digiuno e alimentazione, ecc…) o affrontare le varie religioni una dopo l’altra;

– un incontro della classe con un operatore del Centro Astalli e un credente di una delle religioni presentate nel sussidio. L’obiettivo dell’incontro è presentare agli studenti, attraverso delle testimonianze, come alcune tematiche legate all’esperienza religiosa (interiorità/esteriorità; riti e preghiera; momenti di vita comunitaria, ecc..) si traducano nell’esperienza concreta di una persona di una fede diversa che vive nel nostro paese;

– la visita ad un luogo di culto significativo di un’altra religione (sinagoga, moschea, centro buddhista, ecc..).

Per informazioni e adesioni nella provincia di Catania rivolgersi alla sede di Catania: via Tezzano 71, tel 095535064