Progetti nelle scuole: “Finestre”

FINESTRE

L’idea

La Fondazione Centro Astalli di Roma propone, dal 2002, il  progetto “Finestre – Storie di rifugiati”, che vuole favorire la riflessione, in un pubblico soprattutto di giovani e studenti, sul tema dell’esilio, in particolare attraverso il contatto diretto con rifugiati e l’ascolto delle loro storie di vita. La nostra speranza è che quanti sono “toccati” dal nostro progetto scoprano non solo chi sono i rifugiati e cosa si fa o non si fa per loro sul piano nazionale e sovranazionale, ma soprattutto scoprano anche quanto un rifugiato ha da dire. Vogliamo contribuire a creare dei canali e delle formule di comunicazione che facciano passare i rifugiati da destinatari di servizi a protagonisti di un’offerta culturale. Vogliamo contribuire a facilitare la comunicazione tra chi è cittadino, da sempre e con poco sforzo, e chi con dolore scopre di non avere più un paese di origine e con fatica cerca quale deve essere la sua collocazione nel nostro.

“We will let their lives speak”: come dice un proverbio quacchero, il modo più efficace per parlare dei rifugiati è far parlare le loro vite, dare la parola alle esperienze. I numeri, le statistiche, i sussidi didattici aiutano a quantificare l’orrore e la stupidità. Ma il cuore del progetto consiste nell’incontro diretto con chi ha vissuto sulla propria pelle l’esperienza dell’esilio. Un incontro capace di scardinare tanti pregiudizi e luoghi comuni.

Il progetto ha il patrocinio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e della Pontificia Università Gregoriana.

I materiali

Il sussidio  Nei panni dei rifugiati presenta un percorso a schede su otto argomenti.

  • – guerre e persecuzioni
  • – diritti umani
  • – diritto d’asilo
  • – donne rifugiate
  • – bambini rifugiati
  • – rifugiati in Italia
  • – rifugiati celebri
  • – società interculturale

Ogni scheda propone: una breve introduzione sull’argomento, alcune storie di rifugiati, un’antologia di brani, canzoni, poesie sul tema, l’indicazione di libri e siti internet per approfondire. Riporta inoltre giochi, attività, iniziative da fare in classe o con i propri amici.

La Guida docenti (nuova edizione): è uno strumento per supportare gli insegnanti nella realizzazione del percorso didattico e nell’utilizzo del Sussidio per i ragazzi.

È suddivisa in due parti: una Guida all’utilizzo delle schede “Nei panni dei rifugiati” e un’Appendice per approfondire il tema del diritto d’asilo.

Le attività previste

Le singole scuole o singole classi possono prevedere uno o più incontri sui temi proposti dal progetto.

Ogni incontro prevede:

– un lavoro previo di raccordo con i docenti, per calibrare l’incontro alle esigenze del piano didattico in cui è inserito il progetto;

– una introduzione sul tema del diritto d’asilo a cura di un animatore;

– l’utilizzo delle schede didattiche contenute nel sussidio predisposto;

– l’ascolto e il confronto con un rifugiato.

Gli incontri avvengono normalmente presso le scuole. Qualora gli insegnanti lo richiedano, possono tenersi anche presso la sede dell’Associazione Centro Astalli.

Per maggiori informazioni visitare il sito www.centroastalli.it